Qarta Polis

Cælitum, Ioseph, decus atque nostræ

Cælitum, Ioseph, decus atque nostræ

19 Marzo, Solennità di San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria

Alle Lodi mattutine
Autore: Girolamo Casanate (XVII secolo)
Metro: strofe saffica. ˉ˘ˉx|ˉ˘˘ˉ|˘ˉx (3 volte); ˉ˘˘|ˉˉ (1 volta)

Cælitum, Ioseph, decus atque nostræ
certa spes vitæ columénque mundi,
quas tibi læti cánimus, benígnus
súscipe laudes.
O Giuseppe, onore degli abitanti del cielo, della nostra vita speranza certa, colonna del mondo,

le lodi che a te cantiamo lieti

accogli, benigno.

Te, satum David, státuit Creátor
Vírginis sponsum, voluítque Verbi
te patrem dici, dedit et minístrum
esse salútis.
 Te, discendenza di Davide, stabilì il Creatore

come sposo della Vergine e volle che fossi detto padre del Verbo, e ti concesse di essere ministro della salvezza.

Tu Redemptórem stábulo iacéntem,
quem chorus vatum cécinit futúrum,
áspicis gaudens, sociúsque matris
primus adóras.
Tu, il Redentore giacente in una stalla, di cui il coro dei profeti aveva cantato l’avvenire, guardi con gaudio e, associato alla madre, per primo lo adori.
Rex Deus regum, dominátor orbis,
cuius ad nutum tremit inferórum
turba, cui pronus famulátur æther,
se tibi subdit.
Il Dio, re dei re, dominatore del mondo,

al cui cenno trema la turba degli inferi,

al quale serve prona la parte più alta del cielo,

a te si sottomette.

Laus sit excélsæ Tríadi perénnis,
quæ, tibi insígnes tríbuens honóres,
det tuis nobis méritis beátæ
gáudia vitæ. Amen.
Sia lode perenne all’eccelsa Triade,

che attribuendo a te un onore insigne,

dia a noi, per i tuoi meriti,

le gioie della vita beata. Amen.

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2021 Qarta Polis

Disegnato da Giovanni Lenzi